«Io credo che il Pnrr, questo grandissimo disegno dell’Italia del futuro, con tutti questi soldi che ci arrivano dall’Europa, è l’occasione giusta e fondamentale per dare centralità alla montagna, ai piccoli comuni e le aree interne. Lì possiamo far davvero svoltare le cose». Così il segretario Pd, Enrico Letta, a margine della pre-Agorà sulla montagna a Belluno. «La disattenzione, tranne qualche eccezione, che c’è stata fino ad oggi nel nostro Paese ai temi della montagna e delle aree di confine, oggi può trovare una svolta» ha aggiunto. «Oggi, a maggior ragione, dopo che la pandemia ci ha dimostrato che le aree più lontane, i centri più piccoli, dove la qualità della vita è migliore, possono ridiventare luoghi di lavoro e di vita molto migliori rispetto a prima».

«Rilanciare, rimettere la montagna e le aree interne al centro, è un modo per ridisegnare il piano di rilancio del nostro paese in modo più equo. Non solo i grandi centri devono essere beneficiari perché è l’unico modo per evitare che il nostro territorio si spopoli», sottolinea Letta.

La pre Agorà organizzata dal Pd bellunese in accordo con il partito nazionale ha visto la partecipazione diretta di oltre 120 persone da tutta Italia coordinate su tre tavoli tematici per ragionare sulle possibili soluzioni e innovazioni relative al governo della montagna e delle aree interne, dello sviluppo e dell’ambiente e infine sul welfare e sui servizi al cittadino.

Inoltre, un tavolo virtuale ha consentito a una trentina di partecipanti di collegarsi da remoto ed esprimere la propria opinione. Vi hanno partecipato amministratori, esponenti delle categorie economiche e cittadini da Sicilia, Molise, Piemonte, Abruzzo, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Friuli Venezia Giulia e Campania.

Questo il documento di partenza condiviso con i partecipanti:

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?
Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [460.64 KB]

L’evento si è tenuto al Pus di Ponte nelle Alpi nell’ambito della 54^ Festa de L’Unità organizzata come di consueto dal locale circolo del Partito democratico.