Ci vorranno ancora 60 anni per raggiungere la parità tra donne e uomini sul lavoro. Lo rivela una ricerca dell’associazione 4manager di cui dà conto il Sole 24 Ore. Nonostante il tasso di occupazione femminile sia salito al 49.5 per cento, in Europa l’Italia figura al 14° posto e le donne con incarichi manageriali sono solo il 18 per cento. Nel 2019 sono state 37 mila le donne che hanno lasciato il lavoro nei dodici mesi successivi al parto. Con la pandemia del 2020 i dati sono destinati a peggiorare sensibilmente.

La situazione in Veneto riporta ombre e luci. Se il tasso di occupazione femminile è più alto della media nazionale, le donne costituiscono la parte più fragile del mercato del lavoro. Hanno impieghi precari, part time e sono le prime a perdere il lavoro in caso di crisi, sia essa aziendale o sistemica.

Di questi temi si parlerà domani nell’appuntamento organizzato dal Partito Democratico del Veneto dal titolo “Women new deal in Veneto” in programma sulla pagina Facebook del PD regionale e sulla pagina delle Donne democratiche del Veneto dalle 18.30.  Alla discussione partecipano il segretario regionale Alessandro Bisato, la portavoce nazionale delle Democratiche, Cecilia D’Elia, il sottosegretario all’economia, Pierpaolo Baretta, l’eurodeputata del PD Alessandra Moretti, il responsabile Economia della segreteria nazionale del PD, Emanuele Felice e Vanessa Camani, consigliera regionale del PD. Coordina l’evento la portavoce della Conferenza delle Democratiche venete, Raffaela Salmaso.